+39 351 3262794

Corso Rosselli 182 - 10141 - Torino

LOGO-DEFINITIVO-ICAK-sito

METODO della KINESIOLOGIA APPLICATA

La Kinesiologia Applicata è un sistema diagnostico e terapeutico basato sul test muscolare per interpretare e influenzare l’integrità funzionale e omeostatica del sistema nervoso, del sistema metabolico, del sistema muscolo-scheletrico e della componente emozionale del paziente.

TEST MUSCOLARE

Il test muscolare manuale è il pilastro nonché l’indicatore principale su cui si basa la diagnosi della Kinesiologia Applicata. Il test muscolare per essere diagnostico deve diventare oggettivo e quindi ripetibile e verificabile da qualunque operatore esperto, altrimenti è soltanto un’intuizione.

PROVOCAZIONE

La Provocazione spesso è necessaria per avere un muscolo indicatore che assicuri di essere sul “circuito” di interesse per la valutazione del “problema” di quel paziente.

LOCALIZZAZIONE TERAPEUTICA

La Localizzazione Terapeutica è sicuramente l’altro pilastro su cui si regge la Kinesiologia Applicata. Fondamentale ricordare che la LT indica la zona di localizzazione del “problema” ma non quale sia il problema. Soltanto con grande conoscenza ed esperienza è possibile arrivare ad una diagnosi kinesiologica e quindi al trattamento risolutivo.

TRATTAMENTO

Il trattamento vuole essere l’intervento che stimola il corpo del paziente ad intraprendere il cammino della guarigione. Il trattamento dipende da molti fattori, il principale è la specializzazione dell’operatore. Si dice che “tutte le strade portano a Roma”. Per la guarigione senz’altro non è così, ma ci possono essere interventi molto diversi tra loro che alla fine danno risultati equivalenti.

TEST MUSCOLARE DI CONTROLLO

La visita deve obbligatoriamente concludersi con la verifica dei cambiamenti sul paziente. Così come il test muscolare ci permette di valutare il problema, lo stesso test deve confermare che un cambiamento è avvenuto. Ricordiamo che ogni trattamento può fare emergere un altro livello di “malfunzionamento”, portando il dottore a ricominciare la valutazione fino alla risoluzione definitiva.

METODO della
KINESIOLOGIA APPLICATA

La Kinesiologia Applicata è un sistema diagnostico e terapeutico basato sul test muscolare per interpretare e influenzare l’integrità funzionale e omeostatica del sistema nervoso, del sistema metabolico, del sistema muscolo-scheletrico e della componente emozionale del paziente.

TEST MUSCOLARE

Il test muscolare manuale è il pilastro nonché l’indicatore principale su cui si basa la diagnosi della Kinesiologia Applicata. Il test muscolare per essere diagnostico deve diventare oggettivo e quindi ripetibile e verificabile da qualunque operatore esperto, altrimenti è soltanto un’intuizione.

PROVOCAZIONE

La Provocazione spesso è necessaria per avere un muscolo indicatore che assicuri di essere sul “circuito” di interesse per la valutazione del “problema” di quel paziente.

LOCALIZZAZIONE TERAPEUTICA

La Localizzazione Terapeutica è sicuramente l’altro pilastro su cui si regge la Kinesiologia Applicata. Fondamentale ricordare che la LT indica la zona di localizzazione del “problema” ma non quale sia il problema. Soltanto con grande conoscenza ed esperienza è possibile arrivare ad una diagnosi kinesiologica e quindi al trattamento risolutivo.

TRATTAMENTO

Il trattamento vuole essere l’intervento che stimola il corpo del paziente ad intraprendere il cammino della guarigione. Il trattamento dipende da molti fattori, il principale è la specializzazione dell’operatore. Si dice che “tutte le strade portano a Roma”. Per la guarigione senz’altro non è così, ma ci possono essere interventi molto diversi tra loro che alla fine danno risultati equivalenti.

TEST MUSCOLARE DI CONTROLLO

La visita deve obbligatoriamente concludersi con la verifica dei cambiamenti sul paziente. Così come il test muscolare ci permette di valutare il problema, lo stesso test deve confermare che un cambiamento è avvenuto. Ricordiamo che ogni trattamento può fare emergere un altro livello di “malfunzionamento”, portando il dottore a ricominciare la valutazione fino alla risoluzione definitiva.

il TRIANGOLO della SALUTE

triangolo-salute
MECCANICO - STRUTTURALE

Il lato meccanico-strutturale del triangolo della salute ha a che fare con tutto ciò che è fisico: muscoli, articolazioni, ossa, legamenti ecc. Questo aspetto è quello su cui lavorano principalmente quelle discipline sanitarie che applicano interventi “fisici”. Queste sono prevalentemente la Chiropratica e l’Osteopatia.

CHIMICO - METABOLICO

Il lato chimico-metabolico del triangolo della salute ha a che fare con tutti i processi biochimici che avvengono all’interno del nostro corpo. I più importanti da valutare sono quelli che avvengono con la digestione, i processi infiammatori e gli aspetti ormonali. Questo aspetto è quello su cui lavorano prevalentemente i Medici e i Naturopati.

MENTALE - EMOTIVO

Il lato mentale-emotivo del triangolo della salute ha a che fare con tutto ciò che avviene nella mostra mente e nelle nostre emozioni. Quindi dobbiamo ricordare che l’effetto sulla nostra salute deriva molto di più da come interpretiamo ciò che ci accade piuttosto che da cosa ci accade. Questo è l’aspetto su cui lavorano prevalentemente gli psicologi e gli operatori che fanno una valutazione energetica.

triangolo-salute
MECCANICO - STRUTTURALE

Il lato meccanico-strutturale del triangolo della salute ha a che fare con tutto ciò che è fisico: muscoli, articolazioni, ossa, legamenti ecc. Questo aspetto è quello su cui lavorano principalmente quelle discipline sanitarie che applicano interventi “fisici”. Queste sono prevalentemente la Chiropratica e l’Osteopatia.

CHIMICO - METABOLICO

Il lato chimico-metabolico del triangolo della salute ha a che fare con tutti i processi biochimici che avvengono all’interno del nostro corpo. I più importanti da valutare sono quelli che avvengono con la digestione, i processi infiammatori e gli aspetti ormonali. Questo aspetto è quello su cui lavorano prevalentemente i Medici e i Naturopati.

MENTALE - EMOTIVO

Il lato mentale-emotivo del triangolo della salute ha a che fare con tutto ciò che avviene nella mostra mente e nelle nostre emozioni. Quindi dobbiamo ricordare che l’effetto sulla nostra salute deriva molto di più da come interpretiamo ciò che ci accade piuttosto che da cosa ci accade. Questo è l’aspetto su cui lavorano prevalentemente gli psicologi e gli operatori che fanno una valutazione energetica.

Uno degli OBBIETTIVI della Kinesiologia Applicata è quello di portare gli operatori a capire che ogni sintomo ha SEMPRE una componente in ciascuno dei tre lati. Tuttavia, uno dei tre è il principale. Questa componente deve essere riconosciuta e risolta se si vuole raggiungere la “guarigione”. Ciascun operatore partendo dalla sua specializzazione, deve acquisire la capacità di valutare e misurare quello che avviene in ciascuno dei tre lati, ed eventualmente collaborare con l’operatore più indicato per affrontare e risolvere la causa primaria del “problema”.

Uno degli OBBIETTIVI della Kinesiologia Applicata è quello di portare gli operatori a capire che ogni sintomo ha SEMPRE una componente in ciascuno dei tre lati. Tuttavia, uno dei tre è il principale. Questa componente deve essere riconosciuta e risolta se si vuole raggiungere la “guarigione”. Ciascun operatore partendo dalla sua specializzazione, deve acquisire la capacità di valutare e misurare quello che avviene in ciascuno dei tre lati, ed eventualmente collaborare con l’operatore più indicato per affrontare e risolvere la causa primaria del “problema”.

i 5 fattori del FORAME INTERVETEBRALE

N - NERVOSO

si riferisce al Sistema Nervoso e quindi a qualsiasi tipo di interferenza si possa verificare nel suo funzionamento. La N si riferisce anche alla Nutrizione per l’effetto che il nutrimento ha sul funzionamento del SN e in particolare sull’effetto che i recettori del gusto hanno sul Test Muscolare. Il sistema nervoso e la nutrizione devono essere equilibrati affinché l’individuo goda di buona salute.

NL - NEURO-LINFATICO

si riferisce al sistema Neuro-Linfatico. In particolare, il dottor Goodheart prese spunto dai Riflessi Chapman. Il sistema linfatico deve essere equilibrato affinché l’individuo goda di buona salute.

NV - NEURO-VASCOLARE

si riferisce al sistema Neuro-Vascolare. In particolare, il dottor Goodheart prese spunto dai Riflessi Bennet. Il sistema vascolare deve essere equilibrato affinché l’individuo goda di buona salute.

CSF - FLUIDO CEREBRO-SPINALE

si riferisce al sistema del flusso del Fluido Cerebro-Spinale. In particolare, il dottor Goodheart prese spunto dal lavoro del dottor Sutherland D.O. che spiegò l’importanza del meccanismo primario di respirazione cranio-sacrale. Questo sistema comprende la valutazione del movimento delle ossa craniali, dell’osso sacro, del bacino e della mandibola e deve essere equilibrato affinché l’individuo goda di buona salute.

AMC - CONNESSIONE MERIDIANI AGOPUNTURA

si riferisce ai punti di Connessione di Agopuntura del Meridiano, che sono i punti del meridiano della Vescica lungo la colonna vertebrale. Questi punti sono spesso associati e in corrispondenza alle Sublussazioni Vertebrali e insieme agli altri meridiani sono una parte importante nella valutazione e nel trattamento della KA. Ovviamente, anche questo sistema deve essere equilibrato affinché l’individuo goda di buona salute.

N - NERVOSO

si riferisce al Sistema Nervoso e quindi a qualsiasi tipo di interferenza si possa verificare nel suo funzionamento. La N si riferisce anche alla Nutrizione per l’effetto che il nutrimento ha sul funzionamento del SN e in particolare sull’effetto che i recettori del gusto hanno sul Test Muscolare. Il sistema nervoso e la nutrizione devono essere equilibrati affinché l’individuo goda di buona salute.

NL - NEURO-LINFATICO

si riferisce al sistema Neuro-Linfatico. In particolare, il dottor Goodheart prese spunto dai Riflessi Chapman. Il sistema linfatico deve essere equilibrato affinché l’individuo goda di buona salute.

NV - NEURO-VASCOLARE

si riferisce al sistema Neuro-Vascolare. In particolare, il dottor Goodheart prese spunto dai Riflessi Bennet. Il sistema vascolare deve essere equilibrato affinché l’individuo goda di buona salute.

CSF - FLUIDO CEREBRO-SPINALE

si riferisce al sistema del flusso del Fluido Cerebro-Spinale. In particolare, il dottor Goodheart prese spunto dal lavoro del dottor Sutherland D.O. che spiegò l’importanza del meccanismo primario di respirazione cranio-sacrale. Questo sistema comprende la valutazione del movimento delle ossa craniali, dell’osso sacro, del bacino e della mandibola e deve essere equilibrato affinché l’individuo goda di buona salute.

AMC - CONNESSIONE MERIDIANI AGOPUNTURA

si riferisce ai punti di Connessione di Agopuntura del Meridiano, che sono i punti del meridiano della Vescica lungo la colonna vertebrale. Questi punti sono spesso associati e in corrispondenza alle Sublussazioni Vertebrali e insieme agli altri meridiani sono una parte importante nella valutazione e nel trattamento della KA. Ovviamente, anche questo sistema deve essere equilibrato affinché l’individuo goda di buona salute.

LOGICA DEL METODO

Qualsiasi stimolo sensoriale produce una risposta nel Sistema Nervoso. Un SN equilibrato è in grado di tollerare una vasta gamma di stimoli senza mostrare disequilibrio. Questo vuol dire che il test muscolare darà una risposta Normo-Tonica. Quando un muscolo manifesta un funzionamento non Normo-Tonico oppure quando uno stimolo apparentemente “normale” produce lo stesso mal-funzionamento, bisogna ricercarne l’origine con la Localizzazione Terapeutica.

MECCANICO - STRUTTURALE

Il lato Meccanico-Strutturale comprende i muscoli e le articolazioni che quasi sempre sono la zona del “dolore” e/o del "malfunzionamento”. Molto spesso, anche in casi di traumi evidenti, non basta lavorare su questo lato per risolvere il problema alla radice.

CHIMICO - METABOLICO

Questo è forse il lato più spesso in disequilibrio anche nelle persone che non manifestano sintomi. È quasi impossibile arrivare alla guarigione vera senza riequilibrare questo lato.

MECCANICO - STRUTTURALE

Il lato Meccanico-Strutturale comprende i muscoli e le articolazioni che quasi sempre sono la zona del “dolore” e/o del “malfunzionamento”. Molto spesso, anche in casi di traumi evidenti, non basta lavorare su questo lato per risolvere il problema alla radice.

MENTALE - EMOTIVO

Il lato Mentale-Emotivo è importante ma raramente si riesce a riequilibrare fintanto che il lato Chimico-Metabolico diventi equilibrato.

MENTALE - EMOTIVO

Il lato Mentale-Emotivo è importante ma raramente si riesce a riequilibrare fintanto che il lato Chimico-Metabolico diventi equilibrato.

LOGICA DEL METODO

Qualsiasi stimolo sensoriale produce una risposta nel Sistema Nervoso. Un SN equilibrato è in grado di tollerare una vasta gamma di stimoli senza mostrare disequilibrio. Questo vuol dire che il test muscolare darà una risposta Normo-Tonica. Quando un muscolo manifesta un funzionamento non Normo-Tonico oppure quando uno stimolo apparentemente “normale” produce lo stesso mal-funzionamento, bisogna ricercarne l’origine con la Localizzazione Terapeutica.

MENTALE - EMOTIVO

Il lato Mentale-Emotivo è importante ma raramente si riesce a riequilibrare fintanto che il lato Chimico-Metabolico diventi equilibrato.

MECCANICO - STRUTTURALE

Il lato Meccanico-Strutturale comprende i muscoli e le articolazioni che quasi sempre sono la zona del “dolore” e/o del "malfunzionamento”. Molto spesso, anche in casi di traumi evidenti, non basta lavorare su questo lato per risolvere il problema alla radice.

MENTALE - EMOTIVO

Il lato Mentale-Emotivo è importante ma raramente si riesce a riequilibrare fintanto che il lato Chimico-Metabolico diventi equilibrato.

CHIMICO - METABOLICO

Questo è forse il lato più spesso in disequilibrio anche nelle persone che non manifestano sintomi. È quasi impossibile arrivare alla guarigione vera senza riequilibrare questo lato.

MECCANICO - STRUTTURALE

Il lato Meccanico-Strutturale comprende i muscoli e le articolazioni che quasi sempre sono la zona del “dolore” e/o del "malfunzionamento”. Molto spesso, anche in casi di traumi evidenti, non basta lavorare su questo lato per risolvere il problema alla radice.